icona news

News

La raccolta delle novità più interessanti e degli argomenti più “cool” pubblicati in rete da parte di alcuni addetti ai lavori; novità dal mondo dell'Advertising… e non solo!



SMART WORKING TURISTICO con meno di 100 euro

SMART WORKING TURISTICO con meno di 100 euro

Spesso di sente parlare dell’esigenza di nuovi sbocchi lavorativi, del bisogno di un’entrata economica aggiuntiva oppure scenari pessimistici su “come l’online abbia cambiato drasticamente la nostra vita”; altrettanto spesso mi viene posta la domanda: “… esiste un lavoro che non richieda un investimento economico eccessivo, che mi consenta di organizzare meglio il mio tempo, muovermi con più facilità, procedere a piccoli “passi … senza espormi eccessivamente?”

La mia risposta è: Si… si può fare! Si chiama Smart Working Turistico.

Magari non a Zero Euro… ma neanche pensare di arrivare ai 1.000 euro; diciamo che con qualche centinaio di “eurini” si può avviare concretamente una nuova attività indipendente.

Chi lo dice? Non certo solo io.

È sufficiente mettere insieme i GIUSTI INGREDIENTI per realizzare la tua “ricetta digitale”.

Navigando nel web e seguendo i 12 punti che espongo qui di seguito, ci si renderà facilmente conto che gran parte del materiale di cui abbiamo bisogno ce l’abbiamo già a portata di click, sarà sufficiente “unire i punti” (cit. Steve Jobs); ci sono moltissime attività imprenditoriali da poter intraprendere nell’epoca dello SMART WORKING: una di queste è sicuramente quella del “Consulente di Viaggi ONLINE” - unire cioè la passione per i viaggi e per il turismo, alle infinite possibilità di “interazione” che la rete ci consente d’avere ogni giorno: molte delle quali a costo ZERO!

Eh allora cosa serve davvero? Una risposta concreta è: tanta passione.

Passione per il proprio lavoro, unita ad altrettanta dedizione, fantasia e ingegno, fugando via l’idea che ci sia qualcuno che ci regali qualsivoglia forma di benessere, perché in realtà è compito di ognuno di noi pensare a "rimboccarci le maniche” per migliorare il proprio status di cittadino del mondo.

Personalmente ritengo che non esistano né i famigerati “soldi facili” né tantomeno le “montagne troppo ripide da scalare” - serve (solo) tanta forza di volontà, oppure come spesso si racconta: "avere il giusto mindset" – che è lo stesso ma è più figo scriverlo in inglese!.

Intanto iniziamo con il definire “chi è” e “cosa fa” un consulente di viaggi online: si tratta di un professionista che spicca per competenze e formazione in ambito tecnico-turistico; si avvale di una piattaforma web per proporre soluzioni di viaggio ai propri clienti, contando su una discreta conoscenza del web che delle strategie di comunicazione e visibilità ad esso riferite; quest’ultime lo supportano quotidianamente nello sviluppo del suo business online.

Sicuramente è un professionista che ama relazionarsi con il prossimo, ed in particolare con chi cerca la propria “soluzione turistica alla necessità di spostamento”, sia ONLINE che OFFLINE; è in grado di comprenderne esigenze, desideri e aspettative, in modo da poter trovare e offrire una proposta che soddisfi appieno il proprio interlocutore: chiunque e dovunque esso sia!

Contrariamente con quanto avviene in altri ambiti, il Consulente di Viaggi online non ha nessun limite e/o barriera operativa, se non quella rappresentata da sé stesso e la dalla propria voglia di fare; non ci sono prodotti in magazzino da dover svendere o smaltire, non ha un affitto da dover pagare, non dovrà fare i conti con un prodotto invendibile a dispetto di quello della concorrenza che è particolarmente apprezzato, perché potrà verosimilmente vendere qualsiasi prodotto.

Di pregi ce ne sono davvero tanti; e i difetti?

Ti propongo uno elenco riassuntivo:

Difetti:

  1. La concorrenza - chi non ce l’ha?!.
  2. Bassi livelli di remunerazione - il mark-up per singola vendita è contenuto, quindi bisogna lavorare sulle quantità; un’ottima strategia è quella di focalizzarsi sui “GRUPPI PRECOSTITUITI”.
  3. Affidabilità dei fornitori – sarai tu che dovrai scegliere da chi prenotare (Hotel, Tour Operator, fornitori di servizi di trasporto e assistenza, assicurazioni per il viaggiatore ecc.); delle volte un prodotto inizialmente “affidabile” può rappresentare (successivamente) una perdita rilevante in termini economici e di “immagine”; una buona dose di esperienza e un tutor affidabile potrà rappresentare la tua chiave di successo.
  4. Essere invisibile – creare una piattaforma che non sia conosciuta, rappresenta un errore se paragonato a chi ha un punto vendita in città, ma al tempo stesso presenta un enorme indotto per quanti sapranno sfruttare le potenzialità del mondo digitale (elaborazione di post organici – pubblicità “pay per click”, mailing list, traduzioni per utenza straniera ecc.)”.

 

Pregi:

  1. Investimento minimo – niente affitto, puoi lavorare con un semplice PC (provvisto di antivirus).
  2. Lavoro e spazi ridotti – non hai magazzino e non devi far fronte a nessun costo di manutenzione.
  3. Smart Working - lavori dove vuoi; tutto è digitale, dai coupon di sconto, fino ai cataloghi, le foto e i documenti di viaggio da inviare. Raggiungi i tuoi clienti ovunque essi siano e a qualsiasi ora. Attraverso i nuovi siti “Responsive” tutti potranno navigare all’interno della tua piattaforma digitale utilizzando qualsiasi “mobile device” (tablet e/o smartphone).
  4. Ampia scelta di prodotti – vendi ciò che desideri, la destinazione e/o il prodotto turistico che più ti piace.
  5. NUOVA VITA – i tuoi lavori digitali possono diventare un e-book (rif. Kindle self publishing) e rappresentare nuove aree di profitto - quindi una nuova vita per ciò che creerai; non butterai nel cestino nulla e niente sarà “ormai troppo vecchio”.
  6. Pensa in GRANDE e spendi in PICCOLO - Uno dei vantaggi di diventare grandi è che con la propria importanza aumenta il potere contrattuale verso i fornitori, e magari concederti di poter viaggiare a costo (quasi) ZERO.

 

Cosa bisogna evitare: l’essere la brutta copia di qualcuno!

Cosa si deve puntare ad essere? Un Oceano BLU per la propria clientela (hai letto questo bellissimo libro? – Link diretto: https://amzn.to/2t9bHgz), se non lo hai ancora letto fallo, potrà darti tanti spunti di riflessione.

Essere un Oceano BLU significa scoprire un mercato ancora non contaminato dalla concorrenza (rif. Oceano Rosso), dove l’offerta turistica è particolarmente “indirizzata e specifica”: non fare la guerra ai grandi colossi come “booking, expedia ecc.”, piuttosto trova il modo di sfruttarli a tuo favore elaborando un prodotto (oppure un servizio a destinazione) che ancora non c’è!

 

In poche parole: “CREA IL TUO MERCATO, NON IMITARE QUELLO DI NESSUNO”.

Magari osserva la concorrenza per cercare la dovuta “ispirazione”; poi dai vita alle tue idee tenendo ben a mente di dover essere “esclusivo”.

Se hai già idea di cosa realizzare, qui trovi 12 punti da seguire per realizzare il tuo personalissimo “SMART WORKING TURISTICO”:

 

  1. Crea un BRAND ed un dominio accattivante – facile da ricordare. Il dominio deve (possibilmente) essere senza punti o barre separatrici. Un nome valido dovrebbe dare un’idea approssimativa di quello che offri e possibilmente anticipare già qualche vantaggio per i tuoi clienti, ad esempio “latuatoscana.it” – “viaggiareintoscana.com” – “com” ecc. Puoi decidere di acquistare il tuo dominio attraverso svariate piattaforme, tra le mie preferite ci sono register.itgodaddy.it
  2. Elabora un logo “versatile” – se sei bravo ad utilizzare programmi di grafica, mettiti subito all’opera! Se la grafica ed il disegno non rappresenta il tuo forte, su Fiverr puoi trovare il professionista che fa per te spendendo solo qualche decina di euro.
  3. Realizza un sito web che inglobi al proprio interno un blog - possibilmente anche un “marketplace” dove poter acquistare qualcosa – tieni presente che puoi facilmente realizzare un sito/marketplace con Wordpress senza conoscere necessariamente i codici di programmazione! Per l’Hosting puoi consultare l’offerta di Aruba (rif. https://hosting.aruba.it/wordpress.aspx); questo di Aruba (al momento in cui sto scrivendo) consente di acquistare il Dominio con annesso un Hosting e Wordpress a soli 25 euro tutto compreso.
  4. Un corso di formazione PROFESSIONALIZZANTE – io ne ho realizzato uno sulla base della mia esperienza diretta; l’ho pubblicato online (rif. consulentediviaggio.online) - all’interno del percorso di studi troverai tutto ciò che ti occorrerà per essere operativo con appena 6 ore di video lezione – in alternativa bada bene consultare e studiare contenuti che possano renderti “PRINCIPALMENTE INDIPENDENTE” prima ancora che un semplice affiliato!
  5. Attiva i tuoi profili Social (utilizza tutte le piattaforme – Facebook, Instagram, Twitter, Linkedin, Youtube, ecc.) e tienili sempre aggiornati, perché comunicare su più piattaforme rappresenta un’ottima alternativa al tuo unico sito aziendale oltre che essere l’anima del commercio 2.0. Ti raccomando di considerare anche Pinterest per la pubblicazione dei tuoi contenuti, sarà molto utile per l’indicizzazione organica (non a pagamento) delle tue offerte e più in generale per la conoscenza globale del tuo brand.
  6. Cerca sempre di dare un profilo “umano” al tuo blog/sito web/marketplace – significa cerca farti trovare pronto per rispondere alle decine di domande/curiosità che ti tuoi clienti vorranno rivolgerti. Come tutto questo? Istallando una chat interna (ad esempio quella proposta da Zendesk potrebbe esserti molto utile) ed in alternativa attiva un’utenza telefonica da dedicare al tuo personalissimo “Call Center” con relativo profilo WhattsApp, Telegram. L’importante è “dare un’impronta unica e distintiva - possibilmente umana – ad una piattaforma digitale, che per quanto bella e funzionante, resterà un interlocutorio “freddo” se lasciato a sè stesso.
  7. Social si, ma non copiare! Hai notato come tanti post focalizzati nel proporre e/o vendere una destinazione turistica, siano più o meno ridondanti? Il messaggio finale quasi sempre è assimilabile a: “… questo posto è una favola”! Anche se non ho modo di dubitare di nessuno di loro, tu cerca di andare oltre! Cerca di raccontare qualcosa di te, di mostrare (soprattutto con immagini e video) cosa si può fare, perché i tuoi clienti dovrebbero scegliere te; non fermati alle bellezze della natura (quelle le hanno anche i tuoi concorrenti) piuttosto cerca di evidenziare i tuoi “asset strategici”, dai visibilità ai tuoi “fattori competitivi”, crea un adeguato “storytelling”, calendarizzando i contenuti e facendo in modo che ci sia una “storia a puntate da raccontare”.
  8. Magari lo sai benissimo, ma è utile sottolineare che la pubblicità è l’amina del commercio! Non farti mancare nulla; crea slogan accattivanti e con un chiaro invito all’azione, facendo ricerche su più piattaforme su quali sono le “parole chiavi” più utili al tuo obiettivo di business (questo articolo nasce proprio così); post organici e campagne di visibilità a pagamento dovranno rappresentare la tua quotidianità (nei limiti dei costi/ricavi della singola iniziativa); non dimenticare di monitorare i tuoi risultati attraverso Google Analytics, facendo in modo che le decisioni da programmare in futuro saranno motivate dai numeri che Google ti suggerirà; non sottovalutare il “remarketing”, perché rappresenta una pietra miliare all’interno di una strategia di visibilità a pagamento.
  9. Colleziona Rewies a cinque stelle, ma allo stesso tempo non limitarti. Tieni presente che il tuo apporto “personale” sarà sempre la locomotiva del tuo business, quindi cerca di organizzare eventi, serate a tema, piccole sponsorizzazioni sul “territorio” al fine di farti conoscere anche dai più scettici. Impara a fare i giusti calcoli ed eroga sconti a seconda dell’iniziativa che vorrai intraprendere.
  10. Usa Canva per elaborare tutti i supporti (cartacei e digitali) i quali ti saranno molto utili. Crea Coupon con codici sconto, Gift Card, Assegni Vacanza e spingi le tue vendite verso prodotti dall’alto valore aggiunto (non fare mai la corsa al “prodotto più economico”); crea materiale pubblicitario e distribuiscilo tra i tuoi contatti, stando sempre attento a non “regalare” nulla - piuttosto essere lo “sponsor” di un concorso e/o di un quiz a premi, evento sul territorio ecc. 
  11. Utilizza Google Adsense per ottenere un indotto economico aggiuntivo! Sarà possibile pubblicare annunci pubblicitari sul proprio sito web, guadagnando in base al numero di esposizioni dell'annuncio pubblicitario o click sugli annunci. Ti consiglio di non esagerare con il numero dei banner, ma nello stesso tempo, cerca di non rinunciare ad un introito che potrà crescere in virtù dei visitatori del tuo sito/marketplace/blog.
  12. Nella parte iniziale della tua carriera affiancati ad un professionista che già opera nel turismo e offrigli la tua “consulenza digitale” - stipulando un accordo che ti dia la possibilità di lavorare con la sua partita IVA e la sua licenza e direzione tecnica, prendendo provvigioni a seconda delle vendite che maturerai; se sei un temerario del Business, attiva una tua I.V.A., affidati ad uno studio di consulenza, Provincia, Regione e Camera di Commercio per i documenti necessari e inizia a lavorare da protagonista!

 

 assegnoVacanza 

Figura 1: demo layout di un "Assegno Vacanza"

 

Scopri la grande mela

Figura 2: demo layout di "Codice Sconto turistico"

 

Totale investito: meno di 100 euro!

 

Metti da parte tanta pazienza e una notevole dose di buona volontà!

Qualcuno riassume il tutto chiamandolo “il giusto mindset”; io preferisco rendere l’idea in maniera più concreta: tieni da parte l’immagine del tuo cliente tipo, pensa di averlo davanti e, quando hai un dubbio, domandagli: «Ma a te che cosa serve di preciso?».

Per vendere online, va da sé, un negozio “in carne e ossa non serve”; ma probabilmente non ti serviranno nemmeno attrezzature molto diverse dal computer che usi già e, almeno per i primi tempi, come ufficio lo studio o il soggiorno di casa; le questioni burocratiche (attivazione della P.I.V.A. ecc.) avranno sicuramente un costo più alto, ma potrai benissimo dilazionare l’investimento partendo “a piccoli passi”.

Il mini-capitale iniziale può bastare come biglietto di ingresso nel commercio virtuale: per crescere ci sarà tempo e il denaro da investire sarà quello che si accumulerà insieme alle prime soddisfazioni.

Per fare tutto ciò ci sono strumenti Online a dir poco perfetti per supportare e far crescere la tua idea; basterà aggiungere un po’ di tempo e tutto il tuo entusiasmo.

Ad maiora!

Steve

e-max.it: your social media marketing partner

Steve Danese

CEO Mithapp.it

LinkedIn: https://goo.gl/B42CTK

Google AdWords Certified: https://goo.gl/k0MTrX

2 commenti

  • Steve Danese inviato da Steve Danese Martedì, 07 Aprile 2020 14:30

    Ciao Natascia!
    In realtà secondo la legge non è necessario avere un negozio su strada. È sufficiente avere una sede aziendale e lavorare in autonomia anche online con un negozio virtuale

  • Natascia inviato da Natascia Sabato, 28 Marzo 2020 12:14

    Ciao Steve,

    una domanda: ma un agente di viaggi con partita IVa non ha bisogno per legge che tu sappia obbligatoriamente di un negozio su strada?

Lascia un commento

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Una solida realtà

Logo Mithapp

La nostra è una realtà si muove parallelamente online e offline, e propone una gamma di servizi completi e ricchi di creatività.

Cerca

Google Partner

Google Partner a Pescara Steve Danese

Il garage delle idee

garage delle idee footer

Export Manager integrato

export manager integrato

Codici Sconto

codici sconto

Corsi di Formazione Online

corsidiformazione

Essere Internazionali

LogoCompanyhome

                   #MakeItHappen

Contatti

Icona telefono

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our Privacy Policy.

I accept cookies from this site